3 JOURS À PARIS

Città dell’amore, degli artisti e dei sognatori…

3 giorni a Parigi…bisogna cercare sfruttare al meglio il tempo a disposizione, tenendo conto che Parigi è considerata una delle città più belle e amate di tutto il mondo.

Parigi si suddivide in arrondissements e la Senna divide la città due: Rive Gouche e Rive Droit. Il modo più semplice di girare la città è attraverso la metropolitana e i mezzi di superficie (molto ben collegati tra loro),  anche se passeggiare tra le vie e i caffè rende tutto più magico.

img_8358-1
Paris city map

10 chose à ne pas manquer de voir a Paris

  • Louvre
  • Tour Eiffel
  • Moulin Rouge
  • Montmartre
  • Notre Dame
  • Museo d’Orsay
  • Quartiere latino: Sacre coeur
  • Quartiere Le Marrais
  • Night Club: Manko, Raspoutine Club e L’arc Paris
  • Negozio Lindt presso le Galeries Lafayette

DAY 1

Per cominciare il primo giorno consiglio una visita alle gallerie Lafayette, al quartiere di Montmartre e una passeggiata sur les champs elysee.

Le Galeries Lafayette sono grandi centri commerciali di lusso e di grandi marche collegati tra loro. Si trovano sulla Boulevard Haussmann, la “monte Napoleone” parigina e nella zona di Montparnasse.

Montmartre è una delle zone più belle di Parigi, grazie ai suoi caffè, fiorai, luci e stradine che regalano un momento di magia a chiunque decida di percorrere questa strada.


Per i grandi appassionati, l’odierno teatro del Moulin Rouge viene ricordato e amato per il musical che narra una grande storie d’amore: uno scrittore squattrinato, arrivato a Parigi nel periodo della grande rivoluzione, si innamora  della più bella prostituta, attrice e ballerina di can can del Moulin Rouge.

«La cosa più bella che tu possa fare è amare e lasciarti amare»

Ewan McGregor – Moulin Rouge

Nel pomeriggio abbiamo passeggiato lungo les Champs Elysee  fino all’arco di Trionfo e in occasione delle feste natalizie è stato allestito un mercatino di natale, ricco di prodotti tipici francesi e bancarelle di ogni genere. Luci, colori e suoni creano un piccolo paese delle meraviglie che si riempie di artisti di strada, canzoni natalizie e sorrisi.

Le vetrine dei negozi prendono vita, i bambini corrono nel piccolo villaggio di Babbo Natale  e il profumo di crêpes alla Nutella attira persone di ogni genere.

img_8410

Parigi è una città che riesce a trasmetterti la magia e l’arte in ogni suo angolo. Non a caso è sempre stata “la ville” degli artisti,  degli emarginati, dei pittori, dei poeti e degli scrittori.

The artist’s job is not to succumb to despair but to find an antidote for the emptiness of existence. Paris is the perfect place to express and find yourself because the are no rules

Midnight in Paris

DAY 2

Primo step: la Tour Effeil! Nonostante sia un monumento turistico, visto e rivisto io consiglio sempre di andare a darci un occhiata perché è sempre bellissima…Una torre mastodontica di ferro che simboleggia la città dell’amore  ❤️.

La ville de l’amour et de la folie

fullsizeoutput_40f1

Passeggiare lungo la Senna è incantevole, grazie ai vialoni di foglie d’autunno e ai palazzi dall’altro lato della strada.


Non si può dire di aver visto e compreso Parigi se non si è visitato il museo del Louvre. Un palazzo meraviglioso con una delle collezzioni più antiche ed importanti al mondo.

Antichità del vicino oriente (7500aC-500dC) – antichità egizie – antichità greche, romane, italiche ed etrusche – arti islamiche – scultura francese – pittura francese, italiana, spagnola, Inghilterra e Stati Uniti del 1250-1850 – arti decorative – arti dell’Africa, Asia, Oceania e delle Americhe

Una collezione incredibile… un giorno non basta per visitarlo tutto. Si stimano tre giorni circa per vederlo e assimilarne i contenuti. Si consiglia inoltre di prenotare la visita online per evitare code interminabili.

Day 3

La giornata inizia con un delizioso pain au chocolat e un caffè. Si prende l’autobus, superiamo place de l’Opera, place de la Concorde, il Louvre e scendiamo alla fermata del Museo D’orsay. Molte delle mie collezioni preferite sono esposte nel palazzo: Degas, Renoir, Manet, Monet, Cezanne, Pisarro,  Van Gogh, Gaugin, Corbet…

Si passa dal quartiere di Notre Dame dove si può ammirare la splendida chiesa del 1164, ancora intatta e bellissima. Anche chi non è mai stato a Parigi, tutti sanno come sia la chiesa di Notre Dame, grazie ai film  (ultimo tango a Parigi, Moulin Rouge, Midnight in Paris,il favoloso mondo di Amelie) e cartoni animati come il gobbo di Notre Dame e ratatouille.

Anche per quanto riguarda l’ambito musicale, ricordo due canzoni a me particolarmente care dedicate a Parigi: La chanson des vieux amants di Jacques Brel e Je t’aire…moi non plus di Jane Birkin e Serge Gainsbourg.

fullsizeoutput_40f0.jpeg

Non dimentichiamoci che Parigi è stata ed è una città di cultura, ricca di teatri, musei e luoghi di incontro e di festa.

Verso sera ci siamo dirette verso il quartiere latino, detto anche Sacre coeur e verso il quartiere de Le marrais. Due quartieri pieni di pub, negozi, caffe, pasticcerie e gallerie d’arte. Consiglio una crepes alla nutella e un buon caffe ou lait.
albumtemp                                                                     Che giornate incredibili! Nonostante il clima ventoso, Parigi riesce sempre a rendere magico e romantico tutto quello che ha intorno. Tra il profumo di croissant e le bellezze architettoniche è in grado sempre di stupirmi e di stupire anche chi visita e ammira Parigi per la prima volta.

Parigi ha la chiave del tuo cuor

Anastasia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...